Quadrato semiotico del dibattito sul #Jobsact

quadrato_semiotico_jobsact

Il #JobsAct (la riforma del lavoro firmata Renzi) sta entrando nel tunnel dell’iter parlamentare e non si sa quando e come ne uscirà. Nel frattempo però ha infiammato il dibattito, dalle direzioni di partito a Twitter, e noi non abbiamo resistito a riassumere la situazione.

 

Quello che salta all’occhio è che la contrarietà che tiene in piedi il quadrato è tutta interna al Pd e che, molto al di là di un’opposizione tra Promotori e Resistenti, è una contrarietà tra diversi modi di intendere il lavoro, la figura del lavoratore e quella dell’imprenditore.

 

A questa dicotomia si accodano gli altri: i Consenzienti che appoggiano la riforma ma vorrebbero un’azione più radicale (taglio delle tasse e della spesa pubblica) e gli Indignati, che si oppongono categoricamente all’evoluzione del lavoro (dipendente) nel senso della flessibilità.

 

Ma il quadrato semiotico del dibattito sul #JobsAct lo spiega meglio di noi.

 


Squadrati srls - Via Ampere 61/A 20131 Milano - CF e PI: 08106320966 - PEC: squadrati-srls@legalmail.it - REA: MI - 2003187 - Capitale sociale: 900,00€